Mesotelioma curiosità

Il cancro dovuto all’amianto: cure e terapie nello studio medico di Roma

Il Prof. Paolo Sammartino svolge da sempre una capillare attività di informazione e divulgazione scientifica, al fine di rendere i suoi pazienti ancora più consapevoli. L’Ona, Osservatorio Nazionale sull’Amianto, ha annunciato un aumento dei casi di mesotelioma, il cancro dovuto all’amianto, con circa 4.500 pazienti in tutta Italia. Ma non è tutto. L’Ona ha anche annunciato che i casi di cancro dovuto all’aminato sono in continuo aumento.
Questi dati sono stati pubblicati nel Primo Rapporto Ona sui mesoteliomi, contando 20.629 casi per il periodo 1993-2011, tenendo presenti anche i dati del IV Rapporto mesoteliomi fermo al 2008 e reso pubblico dall’Inail nel 2012. Dal 2009 al 2011, i casi di cancro dovuto all’amianto sono stati circa 4.520, rilevando un continuo aumento. Il Prof. Paolo Sammartino è un esperto nella cura del mesotelioma: contatta il suo studio medico di Roma per fissare una visita di controllo.

Neoplasie in aumento

Neoplasie in aumento
Ezio Bonanni, il direttore dell’Osservatorio Nazionale sull’Amianto, ha dichiarato che “il trend dei mesoteliomi è in continuo aumento, ed è solo la punta dell’iceberg. Tenendo presente che i casi di tumore al polmone sono almeno il doppio e che l’amianto provoca anche altri tipi di tumori, alla laringe, alle ovaie e al tratto gastrointestinale, si stimano tra i 5.000 e i 6.000 decessi che il cancro dovuto all’amianto provoca solo in Italia, ogni anno. È necessario – continua Bonanni – che lo Stato e le singole realtà territoriali si attivino, valorizzando le autonomie locali, le associazioni e gli ordini professionali, al fine di elaborare singoli progetti di bonifica, riqualificazione dei territori e ammodernamento infrastrutturale e delle strutture industriali”.

Esposizione da amianto

L’Ona ha individuato che circa 15.000 casi di tumore sono stati causati da una continua esposizione ad amianto, tornando a insistere affinché il governo promuova azioni più efficaci di tutela. A questo proposito, l’associazione ha stilato un Piano Nazionale Amianto a tutela dei lavoratori maggiormente colpiti. Tra i casi di cancro dovuto all’amianto, il maggior numero di malati si è registrato nell’industria edilizia (15,2%), nell’industria metalmeccanica (8,3%) e in quella tessile (6,7%). Numerosi anche i casi nella difesa militare (621).

Vuoi saperne di più sul trattamento delle malattie peritoneali?

Il professor Paolo Sammartino riceve su appuntamento: contattalo tramite la sezione contatti del sito, oppure invia un email all’indirizzo paolo.sammartino@uniroma1.it, o telefona al numero +39 336 615632 per fissare un appuntamento per definire la diagnosi e le terapie più adeguate.